Come prendersi cura delle camelie

Le camelie sono alberelli di piccole dimensioni che hanno bisogno di cure speciali per sopravvivere

Le camelie sono arbusti di piccole dimensioni che hanno bisogno di cure speciali per sopravvivere. Devono crescere in un clima molto umido e temperato durante l’estate e freddo in inverno. Per questo motivo si adattano bene sia al clima freddo del Nord del paese che alle temperature miti del Sud. Le camelie hanno bisogno di un fertilizzante ricco di fosforo, magnesio, ferro e potassio, soprattutto nel periodo di crescita. Non sono adatte all’acqua dura o troppo calcarea.

Si tratta di una pianta molto esigente, ecco perchè spesso non ha un bell’aspetto: la maggior parte delle volte infatti non riceve le cure necessarie. Se la camelia perde i germogli prima che si aprano, è possibile che riceva troppa acqua, perciò evita di innaffiarla troppo. Durante i tre mesi di fioritura devono ricevere poca acqua, in modo che i peduncoli crescano forti e sopportino il peso del germoglio, che può cadere anche per carenza di magnesio.

La cosa migliore è annaffiarle con acqua piovana o minerale, evitando quella del rubinetto. Se non hai alternative, miscelala con un po’ di aceto per ridurre l’effetto del calcio, un elemento molto dannoso per le camelie. Infine, se il terreno è molto umido potrebbe provocare una caduta precoce delle foglie. In questo caso elimina due terzi delle sue radici per evitare che assorba tanta umidità e aggiungi della terra nuova.

Se curi bene le camelie diventeranno un arbusto prezioso e una delle piante più belle del tuo giardino. La loro cura può sembrare complicata, ma ne vale davvero la pena quando fioriscono in tutto il loro splendore.

Autore: GuidaGiardini.it

Giardino Rovigo; Giardinaggio Rovigo; Manutenzione e progettazione giardini; Manutenzione giardini Rovigo; Manutenzione giardini Ferrara; Manutenzione giardini Mantova; Progettazione giardino; Progettazione giardini; Giardini Rovigo; Manutenzione verde; Manutenzione verde Rovigo.

Cure di base per i bonsai

Le stanze dove si trovano devono essere luminose e ventilate, altrimenti potrebbe morire.

I bonsai sono preziosi alberelli di piccole dimensioni che per vivere richiedono delle attenzioni speciali. Possono essere di diverse specie e hanno bisogno di cure differenti a seconda della loro. Ci sono però una serie di cure di base per i bonsai che valgono indifferentemente dalla loro specie:

  • Quasi tutti i bonsai sono alberi da interni, perciò fai attenzione quando scegli dove posizionarli e non metterli all’esterno se non è consigliato per la loro specie.
  • Le stanze dove si trovano devono essere luminose e ventilate, altrimenti potrebbe morire.
  • Devi considerare che i bonsai non sono delle specie particolari, ma sono alberi di qualsiasi specie che non sono stati fatti crescere naturalmente. Proprio per questo motivo hanno bisogno delle cure specifiche della loro specie, cioè hanno bisogno di sole, ombra, acqua o fertilizzanti come se fossero l’albero a grandezza naturale di quella specie.

La maggior parte delle persone ama i bonsai per la loro estetica e il loro modo di crescere. Perciò la cosa migliore è non posizionarli sul pavimento ma a un’altezza dove se ne possa apprezzare la bellezza sia da seduti che in piedi. Bisogna utilizzare dei bei vasi all’altezza della bellezza dell’albero.

C’è gente che è contraria ai bonsai perché pensa che sia crudele privare un albero della sua crescita naturale. Tuttavia, i fan di questi alberelli sono milioni in tutto il mondo.

Autore: GuidaGiardini.it

Giardino Rovigo; Giardinaggio Rovigo; Manutenzione e progettazione giardini; Manutenzione giardini Rovigo; Manutenzione giardini Ferrara; Manutenzione giardini Mantova; Progettazione giardino; Progettazione giardini; Giardini Rovigo; Manutenzione verde; Manutenzione verde Rovigo.

Come migliorare il rendimento delle coltivazioni con un biostimolante

I biostimolanti sono sostanze che migliorano la crescita di tutti i tipi di piante e coltivazioni e Kaitosol® è uno dei più innovativi sul mercato.

Che una coltivazione risponda positivamente alle nostre cure dipende da molti fattori che, in generale, si controllano senza molti problemi o con prodotti specifici o utilizzando le tecnologie. Però esistono delle sostanze, chiamate biostimolanti, che migliorano in maniera notevole il rendimento di tutti i tipi di piante e coltivazioni.

Per esempio Kaitosol® è uno dei più innovativi sul mercato del giardinaggio. Il suo componente principale è l’ ActiveChitosan, una molecola che si compone di estratti di gamberetto e di diverse piante, che non contiene nessun tipo di prodotto chimico nocivo o composti che siano stati geneticamente modificati. Si tratta dunque di un biostimolante completamente naturale.

Questa caratteristica e il fatto che sia solubile in acqua permette che possa essere utilizzato all’inizio e durante la vita reale della coltivazione -a seconda del tipo-, semplicemente spargendolo in modo manuale o meccanico o, in alcuni casi, attraverso un’applicazione diretta sul terreno attraverso un sistema di gocciolamento.

Come funziona Kaitosol®

Il prodotto, che è stato sviluppato dall’Università di Cambridge, presenta una struttura migliore rispetto ad altri biostimolanti, perché si tratta di un composto molto attivo.

Cospargendolo sulla pianta in questione crea una cappa altamente nutritiva che agisce durante un lungo periodo di tempo. In questo modo si rafforza il sistema di difesa della pianta -agisce come una barriera naturale contro gli agenti esterni- e, allo stesso tempo, somministra nutrienti naturali come la vitamina C o il potassio.

Inoltre favorisce una riduzione del tempo della crescita e per questo può risultare interessante soprattutto nel caso di alberi da frutta e coltivazioni estensive -in cui già è stato provato- come per esempio il riso, la soia, la canna da zucchero o fragole, arance, ciliegie, kiwi e in tutti i tipi di ortaggi e coltivazioni da serra.

Autore: GuidaGiardini.it

Giardino Rovigo; Giardinaggio Rovigo; Manutenzione e progettazione giardini; Manutenzione giardini Rovigo; Manutenzione giardini Ferrara; Manutenzione giardini Mantova; Progettazione giardino; Progettazione giardini; Giardini Rovigo; Manutenzione verde; Manutenzione verde Rovigo.