giardino invernale

Giardino invernale: come prepararlo e quali piante scegliere

Giardino invernale: come prepararlo e quali piante scegliere

L’immagine che tutti abbiamo del giardino invernale è sicuramente meno allegra e vivace di quello estivo o primaverile, in cui fiori e frutti colorati, fanno spazio ai colori scuri delle foglie cadute e delle piante meno rigogliose.

Alcune non sopravvivono ai freddi e lasciano spazi vuoti nei vasi e nelle aiuole.

Tuttavia, anche un giardino invernale dev’essere curato per apparire gradevole e pulito e per preservare la sua salute per la prossima bella stagione.

Giardino invernale: come curarlo

Vi sono dei lavori necessari che si dovrebbero affrontare, prima che il clima freddo inizi davvero.

Per prima cosa, bisogna tenere sempre il prato pulito dalle foglie autunnali cadute.

Le foglie, infatti, ombreggiano l’erba sottostante, causando una scarsa crescita, malattie e chiazze.

Se nel giardino sono presenti molti alberi decidui, un soffiatore di foglie potrebbe essere un buon investimento.

Le foglie d’autunno, tuttavia, sono una buona aggiunta al cumulo di compost.

Esse possono fornire un prezioso riparo per gli insetti ed il materiale del nido per i ricci in letargo nei mesi più freddi.

Sarà utile perciò raccogliere le foglie cadute in un mucchio in un angolo tranquillo del giardino, lasciandole intatte fino alla primavera.

Giardino invernale: alcuni consigli a cui prestare attenzione

Prima di tagliare le piante, pensiamo alla fauna che abita il nostro giardino. Ritardare la potatura, vuol dire dare agli uccelli la possibilità di spogliare le bacche e l’involucro dei semi.

La stessa cosa vale per le erbe infestanti e le colture sparse nel giardino.

Esse forniscono una quantità sorprendente di copertura e nutrimento per la fauna selvatica, in particolare gli uccelli.

Quando tagliamo gli arbusti, usiamo i ritagli di rami più grandi per creare un riparo a ricci ed insetti.

Giardino invernale: quali sono le piante che resistono al freddo?

Le piante che resistono al freddo sono:

  • GELSOMINO: oltre ad avere un buon odore ed essere belli da vedere, i gelsomini resistono al freddo! il tempo della sua fioritura va da gennaio ad aprile, per godervi un inverno colorato in loro compagnia. Per essere rigogliosa tuttavia, ha bisogno di un’esposizione solare;
  • CALICANTO: una delle piante più profumate, rende il giardino una vera delizia di odori e colori. Il periodo di fioritura va da febbraio a marzo. La resistenza al freddo è molto alta, il suo colore è giallo.
  • AGNOCASTO: i colori di questa pianta variano dal viola al lilla. Fin dal primo freddo autunnale riesce a dimostrare tutta la sua bellezza e resistenza. Arriva infatti fino ai -15°C;
  • RODODENDRO: alcune varietà iniziano la loro fioritura verso maggio, ma non tutte. I rododendri più forti presentano i primi boccioli dei loro fiori anche in pieno inverno.

Per preparare il giardino all’inverno, affidati agli esperti di Verde Impianti: giardiniere di Rovigo punto di riferimento per chi vuole fare del proprio spazio verde un paradiso terrestre!

ristrutturazione giardino

Ristrutturazione giardino: i passi per pianificarlo da zero

Ristrutturazione giardino: i passi per pianificarlo da zero

Il giardino è una parte importante della casa, è quello che ci permette di goderci di meravigliosi momenti di relax, estraniandoci dal caos della città, ma rimanendo comunque all’esterno.

Ogni giardino è diverso dall’altro. Non si tratta solo delle dimensioni e della forma.

Sono molte le caratteristiche che influiscono sul risultato finale. Per prima cosa il contesto ambientale in cui è inserito.

Che si tratti di un piccolo giardino di città o di un giardino immerso nel verde della campagna, l’ambiente influenza la scelta delle piante che lo andranno a comporre.

L’insieme di tutti gli elementi che compongono il giardino, deve formare un’armonia affinché il giardino possa essere un luogo in cui riposare la nostra mente ed allo stesso tempo pratico e facile da mantenere.

Le 7 caratteristiche principali per la ristrutturazione giardino

Il contesto ambientale e il quadro naturale circostante: è consigliabile armonizzarsi alla vegetazione autoctona, oltre che nella scelta delle piante, anche dei materiali.

Il clima e l’esposizione: i principali fattori climatici da prendere in considerazione sono il rigore e la durata dell’inverno, l’intensità del sole in estate, la forza e la direzione deiv enti, la piovosità e la quantità delle precipitazioni, anche nevose, e l’umidità. Anche la struttura del territorio, collinare o pianeggiante, influenza notevolmente il clima. Potrebbe essere necessario pensare a degli arbusti o muri per modificare l’influenza del vento.

Dimensione, forma e campo visivo del giardino: i giardini dalle dimensioni importanti possono essere pensati per “zone”, mentre i giardini più piccoli potrebbe essere utile limitare le piante alla zona perimetrale. In entrambi i casi devono essere valutati il paesaggio e la presenza di eventuali scorci interessanti da incorniciare e valorizzare.

Giardino da ristrutturare o giardino di nuova creazione: nel primo caso dev’essere valutata la salute degli alberi e arbusti esistenti, che possono essere sottoposti a potatura o necessariamente rimossi se a rischio di crollo. Se il giardino è nuovo dev’essere verificata la composizione del terreno, affinché sia presente uno strato di almeno 30-40 cm di terra “buona” e non di detriti da costruzione, come accade spesso.

Budget disponibile: l’investimento per la creazione di un giardino dev’essere preventivato, per aver il miglior risultato possibile, in base alle risorse economiche disponibili e per non rischiare di lasciare delle parti incompiute. Da valutare anche il budget annuale per la manutenzione e anche per l’investimento di un impianto di irrigazione interrato.

Le esigenze e i gusti del proprietario: le esigenze nella fruibilità di un giardino cambiano a seconda che ad utilizzarlo sia una famiglia con bambini piccoli, piuttosto che una coppia di anziani, o persone con disabilità o in presenza di animali. Diverse esigenze derivano poi anche dalla disponibilità di tempo che volete dedicare alla cura del giardino, sia nel caso che si tratti della vostra casa principale che di una casa di villeggiatura.

Come sicuramente avrete ben capito è evidente che la progettazione del giardino non può essere improvvisata, al contrario, ha bisogno di un attento studio e di una discreta conoscenza delle varietà vegetali, così come di alcune basi per il giardinaggio.

progettazione giardini rovigo progettazione giardini rovigo

Qualunque sia la vostra idea di ristrutturazione giardino, con Verde Impianti potete progettarla ed individuare in tempo reale l’esatta forma e lo stile adatto al vostro giardino, per vederlo infine realizzato!

Richiedi il servizio di progettazione giardini e valorizza il tuo verde con Verde Impianti!