bonus verde 2018

Bonus verde 2018: come funziona la detrazione?

Bonus verde 2018: come funziona la detrazione?

Il Bonus verde 2018 per giardini terrazzi e balconi è la nuova detrazione fiscale introdotta con la nuova Legge di Bilancio 2018, il cui testo è stato appena approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 16 ottobre ed ora passa al Senato.

Con la Legge di Bilancio 2018, Manovra da 20 miliardi di euro, entrano in vigore diverse novità a partire dall’istituzione del bonus verde e dalla stabilizzazione dell’Ecobonus 2018 per i condomini per 5 anni mentre per le case private, uffici, negozi e capannoni, la detrazione 65% è prorogata per tutto il 2018 insieme al bonus ristrutturazioni, mobili ed elettrodomestici.

Da annoverare tra le novità 2018 anche la modifica della percentuale di detrazione per chi sostituisce finestre ed installa caldaie a condensazione che nel 2018 scende dal 65% al 50% mentre quella che spetta a chi sostiene spese per la rimozione dell’amianto passa dal 50% al 65%.

A questo punto andiamo a vedere nello specifico il bonus verde 2018 cos’è e come funziona, a chi spetta e quando la nuova detrazione 36% fino a 5.000 euro per chi effettua spese per la sistemazione del verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari di qualsiasi tipo: giardini, terrazzi, balconi anche condominiali, anche se con impianti di irrigazione e recupero del verde storico.

Bonus verde 2018: cos’è e come funziona?

Che cos’è il bonus‪ verde 2018? Il bonus verde è una nuova detrazione fiscale inserita nel nuovo testo della Legge di Bilancio 2018 in corso di approvazione da parte del Parlamento Italiano, proprio in questi giorni.

Il bonus verde 2018, che prenderà il via ufficiale dal 1° gennaio 2018, a detta del Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina è “una misura contro l’inquinamento e opportunità per nostro florovivaismo”, dal momento che il nuovo bonus 2018 consiste in una detrazione per chi sostiene spese per la sistemazione del verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi genere, per cui terrazzi, giardini, balconi, anche condominiali, anche se attraverso impianti di irrigazione e lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico.

Come funziona il bonus verde? Il bonus verde funziona in modo analogo alle altre detrazioni fiscali attualmente in vigore che sono state tra l’altro prorogate per tutto il 2018, stiamo parlando dell’Ecobonus 2018, del bonus ristrutturazione 2018, sismabonus e bonus condomini e bonus mobili ed elettrodomestici 2018

A partire dal 1° gennaio 2018, pertanto, tutti i cittadini che sosterranno spese di sistemazione del verde e di recupero del verde storico, potranno beneficiare di una nuova detrazione fiscale pari al 36%.

Il nuovo bonus per il verde urbano del 36%, che da solo vale 600 milioni di euro, permetterà quindi di ottenere uno sconto fiscale IRPEF da detrarre dalla dichiarazione dei redditi, fino ad un massimo di spesa di 5.000 euro.

L’importo della detrazione totale spettante, per essere scaricata dalla tasse, deve essere divisa in 10 quote annuali di pari importo e le spese sostenute devono essere pagate tramite:

-il cd. bonifico parlante;

-assegni;

-bancomat;

-carte di credito;

-bonifici ordinari.

Sulla base delle ultime novità, il bonus verde non è alla persona ma è sulla casa, pertanto, se si hanno due immobili sui quali far eseguire interventi agevolabili con il nuovo bonus, è possibile sommare le due detrazioni, arrivando così per ciascuna casa, a detrarre il 36% di 5.000 euro, da ricordare però che l’acquisto è agevolato solo se rientra in un intervento di «sistemazione a verde ex novo» o di «radicale rinnovamento».

Bonus verde 2018: a chi spetta e quando?

A chi spetta il bonus verde 2018?

Il nuovo bonus verde 2018 spetta a privati e condomini che sostengono spese per:

– sistemazione del verde: giardini, terrazzi, balconi anche condominiali;

– recupero del verde di giardini di interesse storico.

– fornitura di piante o arbusti;

– riqualificazione di prati;

– lavori e interventi per la trasformazione di un’area incolta in aiuole e piccoli prati, manca la conferma;

Tali interventi, secondo le stime del governo, riguarderanno soprattutto ville, villini e palazzi di pregio ma anche normali condomini.

Per le piante in vaso, l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate è chiara: nel bonus verde 2018 rientrano le opere che “si inseriscono in un intervento relativo all’intero giardino o area interessata, consistente nella sistemazione a verde ex novo o nel radicale rinnovamente dell’area esistente” (vedi a tale proprosito Bonus sistemazione verde 2018, per cu le piante in vaso ad esempio, sono agevolabili solo se l’intervento sul giardino è radicale o ex novo.

Quando spetta il bonus verde urbano del 36%?

Spetta in caso di lavori e interventi di sistemazione e recupero del verde di qualsiasi unità immobiliare compresi condomini e aree scoperta di interesse storico, di:

-giardini;

-terrazzi;

-balconi anche condominiali;

-giardini di interesse storico.

Bonus verde urbano 2018 quanto spetta di detrazione?

In base a quanto previsto dalla nuova Legge di bilancio 2018, i contribuenti e condomini che nel corso del 2018 decidono di sostenere spese per il recupero o la sistemazione di giardini, terrazzi, balconi e verde di interesse storico, hanno la possibilità di fruire di una nuova detrazione fiscale: bonus verde 2018 detrazioni 36%.

Ciò significa che si sostengono spese ammesse nel bonus, si ha diritto a beneficiare di uno sconto Irpef del 36% sulle spese totali sostenute, per un massimo di spesa pari a 5.000 euro.

In pratica, se a gennaio 2018 on in un altro mese dell’anno, decido di sistemare il mio giardino installando un impianto di irrigazione e spendo 3.000 euro, possono detrarmi dalle tasse esattamente il 36% di 3.000 euro e cioè 1.800 euro in 10 anni.

Per maggiori informazioni sul bonus verde, non esitare a contattarmi: info@verdeimpianti.it – 338249862

Fonte

impianto di illuminazione giardino

Impianto di illuminazione giardino: idee per progettarlo

Impianto di illuminazione giardino: idee per progettarlo

Cosa mi dite dell’illuminazione del vostro giardino? ce l’avete? lo sapete che illuminare un giardino di notte, oltre che per un fattore estetico vale anche per la sicurezza? un giardino ben illuminato infatti dissuade i malintenzionati.

Ma non è da meno anche l’aspetto estetico e l’utilità di un impianto di illuminazione giardino.

Con la giusta luce si può creare una fantastica atmosfera, sfruttare i giochi di luce dando movimento e scenografia al giardino e illuminare (se ci sono) le aree conviviali come portici o verande.

Progettare l’impianto di illuminazione giardino con Verde Impianti

Una volta prese le misure del giardino, si procede a verificarne le esigenze.

In base alle aree del giardino si andrà a scegliere il tipo di illuminazione più adatta: soffusa, scenografica e d’atmosfera nel prato, vicino alle aiuole e alle siepi oppure alle piante, più intensa invece nelle aree dedicate alla convivialità, sufficiente per non disturbare la vista ed illuminare i camminamenti.

L’intensità sarà caratterizzata dalla tipologia di lampadine che andremo ad installare.

Nella progettazione si ragiona così: si pensa prima all’impianto principale per poi completarlo aggiungendo elementi che caratterizzeranno solo determinati punti o spazi del giardino.

Una volta che avremo stabilito quali sono i punti luce procederemo  con la scelta dell’impianto di illuminazione più adatto.

Quale impianto di illuminazione giardino scegliere?

Vi sono tre tipi di scelta per gli impianti di illuminazione:

Il tipo di luce: a seconda delle zone, delle stagioni e di quello che vogliamo illuminare, possiamo scegliere tra una luce più classica e calda luce gialla oppure una luce più fredda, moderna e tendente al bianco. Questa scelta dipenderà molto dallo stile della casa e del giardino stesso, dai gusti del committente o dalle proprie utilità;

Il tipo di lampada: anche qui dipendefrà molto dall’area da illuminare e dall’utilità che deriva dall’illuminazione. Possiamo per esempio optare per dei faretti per le siepi, per la piscina o per i camminamenti, proiettori per le piante, lampade o appliques per la veranda. La possibilità è molto ampia ed è da valutare in base ai propri gusti e al giardino.

Lo stile della lampada: sempre mantenendo una certa armonia con gli ambienti circostanti, si può optare per uno stile più classico in tutte le sue sfumature: country, etnico, barocco o perché no, rivoglere le preferenze verso il mderno e il prodotto di design.

Una volta sviluppato il progetto, passeremo alla realizzazione.

Realizzazione impianto di illuminazione giardino

Ora che abbiamo definito i punti luce, procederemo allo scavo del terreno lungo il tracciato per consentire il passaggio di tubi elettrici.

Ognuno di noi desidera un impianto di illuminazione giardino bello ed efficiente. E se vi dicessimo che è anche sostenibile e al risparmio? per questo ti proponiamo la sostituzione delle classiche lampadine con soluzioni a basso consumo energetico o a led.

Esteticamente il risultato è lo stesso ma la cosa importante che cambia è l’impatto sull’ambiente e sulle bollette della corrente elettrica.

Se poi il nostro interesse è un impianto ecologico c’è anche la possibilità di utilizzare le lampade ad energia solare oppure il collegamento delle lampade ad un impianto di pannelli solari.

Per la realizzazione completa e professionale dell’impianto di illuminazione giardino, non esitare a contattarmi!

Il giardinaggio migliora l’umore e il benessere ed ecco perché

Il giardinaggio migliora l’umore e il benessere ed ecco perché

E’ stato confermato da uno studio dell’Università dell’Alabama, pubblicato poi dal Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics: dedicarsi ad attività come il giardinaggio porta benefici sia a livello fisico che psicologico, facendo consumare più frutta e verdura.

Secondo lo studio coordinato da Wendy Demark-Wahnefried, chi si occupa di un orto o di giardinaggio, oltre che a raggiungere una gratificazione personale (aiutando a livello psicologico), avrebbe benefici anche a livello di miglioramento della dieta e un aumento nell’attivitò fisica.

Per condurre questo studio, i ricercatori hanno scelto 42 persone uscite sane e salve da un cancro e la metà partecipare ad un programma di giardinaggio di un anno.

I partecipanti avevano un’età pari o superiore ai 60 anni e ricevuto una diagnosi di tumore localizzato in fase intermedia o iniziale e con alte probabilità di sopravvivenza.

Il giardinaggio che migliora il benessere: L’ESPERIMENTO

Per l’esperimento, alla metà delle persone scelte per dedicarsi all’attività di giardinaggio, è stato procurato tutto l’occorente indispensabile per curare ben tre orti stagionali.

Prima e dopo l’esperimento, i ricercatori hanno valutato fattori come: la dieta, test su forza ed equilibrio ed esami del sangue con marcatori di stress e salute in generale.

Ma non solo, a tutti i partecipanti sono state sottoposte una serie di domande misurando i livelli di stress, qualità di vita e stato mentale.

Il giardinaggio che migliora il benessere: I RISULTATI DELL’ESPERIMENTO

Cosa si è scoperto alla fine dell’esperimento? alla fine i ricercatori dell’Università, hanno scoperto che la metà che si dedicava al giardinaggio stagionale, mediamente mangiavano una porzione di frutta e verdura in più al giorno.

Dalle analisi del sangue inoltre è emersa una presenza di livelli più bassi di marcatori di stress.

In conslusione

Tra la metà delle persone che si dedicavano all’orto, il 91% ha aderito al programma, il 70% ha considerato l’esperienza “eccellente” e l’85% ha affermato che sarebbe disposto a farlo ancora una volta.

“Ai pazienti che sopravvivono a un cancro, soprattutto quelli più anziani, cerchiamo di consigliare un cambiamento verso uno stile di vita più sano”, dice Demark-Wahnefried. “Possiamo esortarli ad andare in palestra o a mangiare meglio, ma vorremmo qualcosa che sia gratificante a lungo termine. Con il giardinaggio abbiamo centrato questo obiettivo”.

Il giardinaggio migliora l’umore, Verde Impianti migliora il tuo giardino

Per prenderti cura del tuo giardino devi prima avere una buona base: Verde Impianti nasce dall’esperienza diretta sul campo affiancata ad una continua formazione e ricerca di moderne e innovative tecniche di progettazione, realizzazione e manutenzione di opere a verde.

Si eseguono progettazione, realizzazione e manutenzione del verde di ogni forma, dal terrazzo al piccolo giardino, al parco, alle aree verdi commerciali.

Per progettare e realizzare al meglio il tuo giardino o parti di esso, rivolgiti alla passione di Verde Impianti!

Giardino ecosostenibile: come risparmiare in modo creativo

Giardino ecosostenibile: come risparmiare in modo creativo

Non tutti possono godere di un privilegio come il giardino.

C’è chi è nato in una casa con giardino e chi invece è riuscito a comprarsela, oppure ancora c’è chi si è “arrangiato” creandosi un piccolo spazio verde tutto suo in un angolo della casa o anche sul terrazzo.

Vuoi creare anche tu il tuo spazio verde senza dover  spendere cifre esagerate? basta solo qualche piccolo accorgimento e potrai creare il tuo giardino ecosostenibile!

Per iniziare è opportuno valutare la superficie che hai a disposizione. Di quanti metri quadri puoi usufruire? le piante ci stanno?

Per questa fase iniziale è necessaria una progettazione. In questo Verde Impianti può aiutarti grazie alle sue conoscenze e ai suoi strumenti, nel trasformare il tuo giardino o il tuo spazio in un bellissimo spazio verde.

Giardino ecosostenibile: quali sono le piante giuste?

Dopo aver fatto tutte le verifiche iniziali per progettare il giaridno.

Per garantirti un miglior risultato senza spendere troppo nella manutenzione, scegli delle piante a seconda del clima e del terreno nella tua zona.

Così facendo, le piante non richeideranno molta acqua e non dovrai dedicargli cure particolari come, invece potrebbe essere indispensabile selezionando piante diverse come quelle tropicali.

Per avere il massimo daltuo giardino ecosostenibile (se ne hai la possibilità), prendi in considerazione anche la piantumazione di alberi da frutto, con un occhio sempre attento al clima che caratterizza la tua zona.

E’ importante collocarle nel posto giusto, per far in modo che possano usufruire di una corretta esposizione alla luce del sole, con la giusta quantità d’acqua.

Giardino ecosostenibile: quale metodo di irrigazione utilizzare?

Uno dei costi più notevoli nella manutenzione del giardino è data proprio dall’acqua utilizzata per annaffiare le piante.

Come risparmiare? vi sono diverse soluzioni come le cisterne di raccolta: contenitori che hanno la funzione di raccogliere l’acqua piovana per poi utilizzarla quando necessario.

Il metodo di irrigazione va spesso progettato insieme al giardino, proprio perchè altrimenti l’estetica ne soffrirebbe, perciò conviene interrarla anche per una questione di spazio.

Per quale impianto di irrigazione optare? noi vi consigliamo l’irrigazione alla goccia, sistemi che dosano l’acqua in modo uniforme.

Rispetto ai classici sistemi di irrigazione, questo rappresenta una scelta economica ed ecologica in quanto si evitano gli sprechi ma si ha l’opportunità di automatizzare l’inaffiatura anche quando non si è a casa.

Il metodo di irrigazione a goccia è ideale sopratutto per le piante in vaso e le aiuole ed è semplice da installarlo anche da soli.

Giardino ecosostenibile: il riciclo creativo

Per rendere ancora più bello il tuo giardino, un’alternativa salva euro è il riciclo creativo, grazie a cui si possono utilizzare oggetti di scarto realizzando abbellimenti unici ed originali.

Ad esempio, perchè non realizzare dei vasi fai da te invece di comprarne di nuovi?

O perchè no, puoi riciclare una cassetta della frutta ed utilizzarla come contenitore per le tue piante.

Arreda l’esterno con il riciclo creativo: puoi utilizzare il pallet o dei tronchi di legno. Basta un po’ di creatività ed avrai realizzato un giardino originale, bello ed ecosostenibile senza aver speso una fortuna!

Progetta e realizza il tuo giardino con Verde Impianti: maniaci del dettaglio e appassionati dalla terra, dedichiamo anima e corpo ad ogni singolo progetto per renderlo il più unico possibile.

Il giardinaggio in inverno: quali sono i lavori da eseguire?

Il giardinaggio in inverno: quali sono i lavori da eseguire?

I lavori da eseguire nel vostro giardino devono seguire fedelmente l’andamento del calendario, ogni lavoro e azione che si compie sulla terra deve essere eseguita nel momento opportuno, in modo da non rendere inutile o, ancora peggio, danneggiare, il lavoro fatto nel giardino.

Esistono piante sempre verdi per chi non ha proprio il pollice verde, utili da collocare nei vostri balconi.

Chi invece ama lavorare in giardino sa la soddisfazione che donano i fiorellini e le foglie che spuntano a seguito di un lavoro  fatto di costanza e fatica, al fine di mantenere sempre rigoglioso un giardino o un terrazzo.

Se l’estate è la stagione in cui vediamo fiorire i nostri frutti, l’inverno è proprio il momento in cui la terra va lavorata, in cui vanno gettati i semi e vengono curate le piante già nate: azioni diverse per ogni pianta in nostro possesso.

L’autunno e l’inverno sono due stagioni che possono mettere a dura prova la salute del vostro giardino, ecco quindi il giardinaggio in inverno da eseguire per curare e mantenere al meglio lo spazio verde durante la stagione fredda.

Giardinaggio in inverno: 6 cose da fare per proteggere il nostro verde

1. LAVORARE LA TERRA

Il periodo migliore per la lavorazione della terra è la primavera, proprio quando le temperature diventano più alte e non c’è più il pericolo delle gelate.

Anche l’autunno consente di lavorare la terra, la cosa importante è invece che non sia troppo imbevuto di acqua, specialmente dopo forti piogge.

Perciò approfitta di pomeriggi autunnali soleggiati per smuovere la terra.

2. LA SEMINA

Per i lavori di semina, sono fondamentali le temperature miti, soprattutto in pieno campo. Potete approfittare dei giorni soleggiati autunnali oppure attendere la primavera, anche se è bene seminare da ottobre in poi.

3. TRAPIANTARE LE PIANTE

Le stagioni di mezzo come la primavera e l’autunno sono perfette per l’estirpazione e la collocazione delle piante.

In particolare in autunno e fino alla fine di novembre, sono lavori che possono essere eseguiti su aceri, querce, tigli, olmi, frassini e conifere.

In primavera, potrete occuparvi degli alberi da frutto, dei sempreverdi e delle piante tipiche del mediterraneo.

4. IL DISERBO

Soprattutto quando le temperature sono comrpese tra i 13 e i 15 gradi, è arrivato il momento di diserbare: autunno e primavera sono quindi i periodi più opportuni per compiere questo lavoro in giardino.

5. LA POTATURA

Vi consigliamo poi di non potare mai in inverno o con la calura estiva (temperature troppo calde o troppo fredde), potreste solo far soffrire le vostre piante.

Il momento perfetto della potatura va da settembre a novembre e ancora poi da marzo a maggio.

6. LA CONCIMAZIONE

Così come la potatura vale anche la concimazione: le stagioni di mezzo sono preferite ed è meglio evitare i rigori del freddo o dell’afa estiva.

Per i lavori di giardinaggio in inverno è meglio affidarsi a degli esperti: Verde Impianti è il giardiniere di Rovigo punto di riferimento per chi vuole fare del proprio giardino un paradiso verde!