Come prendersi cura delle camelie

Le camelie sono alberelli di piccole dimensioni che hanno bisogno di cure speciali per sopravvivere

Le camelie sono arbusti di piccole dimensioni che hanno bisogno di cure speciali per sopravvivere. Devono crescere in un clima molto umido e temperato durante l’estate e freddo in inverno. Per questo motivo si adattano bene sia al clima freddo del Nord del paese che alle temperature miti del Sud. Le camelie hanno bisogno di un fertilizzante ricco di fosforo, magnesio, ferro e potassio, soprattutto nel periodo di crescita. Non sono adatte all’acqua dura o troppo calcarea.

Si tratta di una pianta molto esigente, ecco perchè spesso non ha un bell’aspetto: la maggior parte delle volte infatti non riceve le cure necessarie. Se la camelia perde i germogli prima che si aprano, è possibile che riceva troppa acqua, perciò evita di innaffiarla troppo. Durante i tre mesi di fioritura devono ricevere poca acqua, in modo che i peduncoli crescano forti e sopportino il peso del germoglio, che può cadere anche per carenza di magnesio.

La cosa migliore è annaffiarle con acqua piovana o minerale, evitando quella del rubinetto. Se non hai alternative, miscelala con un po’ di aceto per ridurre l’effetto del calcio, un elemento molto dannoso per le camelie. Infine, se il terreno è molto umido potrebbe provocare una caduta precoce delle foglie. In questo caso elimina due terzi delle sue radici per evitare che assorba tanta umidità e aggiungi della terra nuova.

Se curi bene le camelie diventeranno un arbusto prezioso e una delle piante più belle del tuo giardino. La loro cura può sembrare complicata, ma ne vale davvero la pena quando fioriscono in tutto il loro splendore.

Autore: GuidaGiardini.it

Giardino Rovigo; Giardinaggio Rovigo; Manutenzione e progettazione giardini; Manutenzione giardini Rovigo; Manutenzione giardini Ferrara; Manutenzione giardini Mantova; Progettazione giardino; Progettazione giardini; Giardini Rovigo; Manutenzione verde; Manutenzione verde Rovigo.

Lascia un commento