Giardinaggio Ecofiendly: 10 consigli per praticarlo

Giardinaggio Ecofiendly: 10 consigli per praticarlo

Se parliamo di piante e giardini non significa che essi siano sinonimo di sostenibilità. Non tutto ciò che è verde è ecofriendly.

Volete fare a meno di utilizzare pesticidi, diserbanti e fertilizzanti chimici? 

Segui questi semplici consigli per un giardinaggio sostenibile e le vostre piante cresceranno rigogliose facendo a meno di pesticidi, fertilizzanti chimici e diserbanti.

1. Utilizza metodi naturali per allontanare i parassiti

Le coccinelle ad esempio, sono gli alleati ideali per chi desidera essere sostenibile: esse si nutrono di parassiti delle piante.

Un altro metodo totalmente naturale  è mettere 6 spicchi di aglio in un litro di acqua bollente e lasciare a riposo l’infuso fino a che non arriva a temperatura ambiente per poi spruzzarlo sulle piante come insetticida naturale.

2. Scegli il giusto compost per fertilizzare

Ogni anno nel mondo si producono ben 4,4 miliardi di tonnellate di rifiuti organici: la domanda è, con tutto questo compost perchè comprare dei fertilizzanti chimici? un ottima idea è quella di produrre il proprio compost ad hoc per soddisfare le esigenze delle piante.

Per esempio, le bucce di banana rilasciano potassio, i fondi i caffè liberano azoto e magnesio e i gusci delle uova il calcio.

3. Prediligi le piante autoctone della tua zona

Perché scegliere piante autoctone? semplice, sono “fatte apposta” per la zona climatica in cui vivi, motivo per cui riescono ad adattarsi all’ambiente senza il bisogno di particolari cure.

Preferirle alle specie tropicali, aiuta a risparmiare acqua e a non utilizzare i fertilizzanti.

4. Pianta in base alle esigenze idriche

Grazie a questa piccola accortezza, risparmi acqua e faciliti l’irrigazione. Inoltre, raggruppare piante della stessa specie aiuta a combattere i parassiti. Ad esempio un cespuglio di calendule è perfetto come sostituto naturale ai pesticidi.

5. Giornali al posto dei diserbanti

Invece di buttare via i giornali dei giorni passati, un’ottima idea è quella di tappezzare con uno strato di 8 fogli circa le zone in cui non vuoi che crescano le erbacce.

L’inchiostro che ricopre buona parte della carta riesce a penetrare nel terreno e fare da diserbante naturale. In questo modo risparmi sulla carta e non utilizzi barriere in plastica nera per allontanare le erbacce.

6. Utilizza vasi riciclati

Prima di andare a comprare i classici vasi, scegli quelli con materiali sostenibili, come ad esempio la plastica o la terracotta riciclata.

Un’altra idea è quella di riutilizzare vecchi contenitori, come ad esempio quelli delle fragole, al posto dei vasi.

7. Gli animali che allontanano i parassiti

Quali sono i migliori alleati per ottenere un giardino ecofriendly? gli animali: ne esistono tanti che come noi combattono i parassiti e, accogliendoli nell’orto o nel giardino, non avremo più bisogno di pesticidi velenosi.

– Lucertole e orbettini sono rettili  da non scacciare perchè si nutrono di parassiti

– Rospi e rane mangiano gli insetti dannosi per l’orto

– Uccelli come cince, cinciallegre, pettirossi, codirossi, fringuelli, scriccioli e rampichini  tengono lontani vermi, bruchi, crisalidi, larve e altri parassiti.

Tra i mammiferi ci sono i ricci e le talpe che sono dei veri e propri divoratori di insetti nell’orto.

8. Per irrigare utilizza le acque di scarico

Esse sono ricche di sostanze fertilizzanti e in poco tempo vedrai crescere delle piante forti e rigogliose, risparmiando acqua e soldi in bolletta.

9. Utilizza sistemi per catturare l’acqua piovana

Esistono vasi con un serbatoio nella parte inferiore che raccoglie l’acqua piovana restituendola nel tempo per diminuire drasticamente il bisogno di irrigazione.

Una grossa parte dei nostri sforzi per innaffiare va letteralmente “in fumo” quando evapora con il calore solare mentre questi vasi speciali trattengono l’umidità, facendo risparmiare acqua ed energie.

10. Hai mai provato il vermicompost?

Per alcuni potrebbe sembrare disgustoso, ma c’è chi giura che fa miracoli.

Il compost dei lombrichi è una miscela di fertilizzanti naturali contenente 1 volta e mezza calcio, 2 volte il magnesio, 5 volte l’azoto, 7 volte il fosforo e 11 volte il potassio rispetto al terreno in cui vivono i lombrichi che lo hanno prodotto ed il 50% di sostanza organica in più della terra in cui sono stati allevati i simpatici anellidi.

Per questo e molti altri consigli e servizi di giardinaggio, non esitare a contattare Verde Impianti, gli esperti del verde nella provincia di Rovigo.

Lascia un commento