Le orchidee che amano l’aria aperta

Resistenza al fredo, graziose fioriture tardo-primaverili, fogliame interessante fino a fine autunno. Parliamo delle bletille, orchidee rizomatose di origine orientale, di facilissima coltivazione.

Non lasciatevi ingannare dalla famiglia di appartenenza,quella delle Orchidaceae, considerate piante belle ma capricciose: le bletille, protagoniste di questo articolo, sono infatti facilissime da coltivare, sono adatte a vivere in piena terra, in molti dei nostri giardini.

In genere Bletilla conta, a seconda degli autori, da quattro a dieci specie e, a differenza delle varietà create dall’uomo hanno fiori più piccoli ma più numerosi, con foglie più strette e corte.

Nelle bletille il labello, il petalo più sviluppato, è spesso impreziosito da striature o punteggiature.

Le bletille sono ideali per creare laghe macchie di colore sotto grandi alberi a foglia caduca, come faggi, aceri o querce, oppure per vivacizzare zone semiombreggiate.

Le bletille non sembrano avere difetti. Non sono profumate, questo è l’unico aspetto negativo, per il resto vale la pena provarle.
 

Lascia un commento