aloe vera

Come coltivare l’aloe vera in giardino

Come coltivare l’aloe vera in giardino

Coltivare una pianta officinale è fonte di grande soddisfazione, perché le cure che dedichiamo al nostro arbusto vengono ricompensate con altrettante cure: quelle che le sue proprietà benefiche dispenseranno al nostro organismo.
L’aloe vera è una pianta carnosa arbustiva perenne che appartiene alla famiglia delle Aloeacee e cresce principalmente dove c’è un clima caldo e secco. L’aloe vera è una pianta ricca di proprietà curative, in quanto le sue foglie conservano al loro interno una sostanza gelatinosa dalle encomiabili caratteristiche.
Questo straordinario gel è utilizzato nelle faccende più disparate. Se ad esempio dopo una rilassante vacanza al mare la vostra pelle riporta una brutta scottatura, potete applicare una preparazione a base di aloe vera sulla zona interessata. Può essere un ottimo rimedio anche contro la forfora.
Il gel di aloe vera può essere utilizzato persino come gel per modellare la nostra acconciatura e come balsamo da utilizzare però prima dello shampoo in caso di capelli particolarmente stressati, per la sua capacità di legarsi in maniera salda alla cheratina.
Per arrossamenti, ma anche per tonificare la nostra pelle, non esiste impacco migliore. Se un insetto ci punge, o la depilazione e la rasatura lasciano antipatici segni sulla nostra cute, ecco che l’aloe vera viene in nostro aiuto. Inoltre, è un catalizzatore per il riassorbimento di cicatrici, velocizzando il processo di scomparsa e migliorandone l’aspetto durante la cura. Possiamo affidarci all’aloe vera per prevenire e combattere l’acne cronica o periodica, per alleviare i dolori muscolari, per curare il mal di testa se applicato sulla nuca e sulle tempie.
Se desiderate provare un nuovo dentifricio naturale, cosa state aspettando? L’aloe vera serve anche a questo!Il genere aloe conta alcune centinaia di specie di piante succulente, diffuse in natura in Africa, nel bacino mediterraneo e in gran parte delle zone mediorientali.
Sapevate che l’aloe è ottima anche per cucinare? Si possono preparare deliziosi dolci e gustose bevande grazie ai suoi estratti. Le ricette più diffuse sono tortino con gelato all’aloe vera o elisir e cocktail energizzanti. Anche nella cosmesi questa pianta è molto diffusa, grazie alla capacità di penetrazione fino agli strati più profondi della pelle, e ai suoi principi attivi stimolanti, emollienti, usati tanto per la cura della cute quanto quella dei capelli.
Ha proprietà idratanti, data la capacità dei mucopolisaccaridi di trattenere acqua, dunque risulta molto efficace nel trattamento di pelli disidratate. Usata dopo la depilazione, ha proprietà lenitive e calmanti. E’ adatta alla pulizia delle pelli acneiche per la rimozione di impurità. Insomma, è una pianta formidabile, dai mille usi e proprietà.

Ma passiamo adesso ad analizzare le modalità e le tecniche per coltivare direttamente in casa nostra questa straordinaria pianta. Ovviamente dobbiamo sincerarci di poter disporre delle migliori condizioni possibili affinché il nostro arbusto non soffra e possa crescere al meglio delle proprie potenzialità. Innanzi tutto, come abbiamo detto all’inizio, l’aloe vera necessita di un clima caldo e secco, per cui il luogo deputato alla sua crescita sarà soleggiato.

Esistono due metodi principali per la coltivazione di questa pianta. Nel primo i germogli laterali dell’aloe vera (talee) vengono recisi durante il periodo estivo e in seguito riposti ad asciugare in un luogo buio per due o tre giorni, oppure disponendoli direttamente in un recipiente con appositi ormoni radicanti per talee.

Il secondo metodo consiste nella moltiplicazione da seme. I semi devono essere disposti a marzo in vasi colmi di terriccio specifico per piante grasse. La temperatura esterna deve aggirarsi tra i venti e i ventuno gradi: brusche variazioni oppure una temperatura inferiore a quella prevista potrebbero compromettere l’effettiva fioritura dei germogli.

Vuoi affidarti a degli esperti di giardinaggio? Rivolgiti a Verde Impianti!

Come progettare un giardino Feng Shui

Come progettare un giardino Feng Shui

Come progettare un giardino Feng Shui

Un nuova tendenza porta ad allestire i giardini secondo la tradizione orientale, trasformando così in luoghi zen di calma e riflessione. Uno dei giardini più richiesti da Verde Impianti è quello Feng Shui, un giardino che simboleggia la natura e il suo equilibrio.

Non si tratta quindi di un luogo destinato allo svago, ma esclusivamente al raccoglimento della contemplazione e pace, per realizzarlo bisogna quindi creare un ambiente armonioso.

Il giardino Feng Shui ha una tradizione millenaria. Pertanto una volta realizzato rende l’ambiente che vi circonda, che sia interno o esterno, armonico. La caratteristica principale del giardino Feng Shui deve essere la qualità.

Quindi non dovete eccedere con la quantità, non dovete essere sfarzosi e vistosi nella creazione della vostra composizione. Cercando così, di realizzare un giardino dalla forma il più possibile quadrata o rettangolare, perché sinonimo di stabilità.

L’area centrale del giardino Feng Shui deve essere vuota per permettere al Chi di circolare. Il Feng Shui è un dialogo tra le due forze dominanti della natura, il femminile e il maschile: lo Yin e lo Yang. Caratteristiche contrastanti come la dolcezza e la forza. Dovete stimolare l’immaginazione con i profumi i suoni e colori.

Elemento essenziale del giardino, che non deve mancare mai è lo stagno, elemento di quiete (Yin) e il ruscello, elemento di movimento (Yang). A seconda del luogo in cui lo create decidete quale elemento valorizzare.

Verde Impianti collocherà nel giardino statue e pietre che diano a chi osserva un senso di protezione e solidità. Le statue di gru in particolare portano secondo le teorie Feng Shui armonia e longevità. Gli alberi e le piante hanno la funzione di difendere ed equilibrare un luogo, schermandolo dalle energie negative.

Verde Impianti  posizionerà le piante a protezione dietro la casa, facendo in modo che non soffochino l’edificio perché ostacolerebbero il flusso di energia, infatti non vanno mai piantate in fila, ma sparse, come crescono in natura. A nord verranno collocate le piante dai fiori azzurri, a sud dai fiori rossi, ad ovest dai fiori gialli e ad est piante sempreverdi.

Verde Impianti rimuoverà dal giardino le piante e le foglie secche dal vostro giardino, in quanto secondo la tradizione queste risultano portatrici di cattivo Chi.
Verranno inseriti elementi come fontanelle a riciclo d’acqua, oppure una vasca di pesci, animali associati a grande fortuna economica. Questi elementi verranno disposti negli angoli a nord o sud-est.

Verranno collocati nel giardino dei sassi arrotondati, pietre e sassi. In questo caso la roccia simboleggia la montagna, la forza la stabilità. Con sedie di legno, vasi di coccio, ceramica o bambù, una piccola vasca dei pesci, pietre arrotondate, un tavolino di bambù e una fontanella zen, la vostra terrazza diventerà così in una piccola oasi orientale.

Verde Impianti lavorerà il terreno in modo che possano crescere piante “naturali” in simbiosi con l’ambiente. I fiori vanno sistemati con eleganza, scelti per i colori per il profumo. Ricordate che devono interagire con il vostro corpo. Quindi ritrovare voi stessi e rappresentare il vostro angolo di paradiso dove ritrovarvi. Ecco come realizzare un giardino Feng Shui.

Il giardino deve apparire una creazione naturale casuale, deve essere valorizzato l’elemento “ a caso” non deve apparire come uno schema matematico studiato, perdereste la fluidità degli elementi.

 

Realizzazione aiuole Rovigo

Realizzazione aiuole: quali elementi considerare?

Realizzazione aiuole: quali elementi considerare?

Le aiuole sono i punti luce che parlano del tuo giardino: per progettarle e realizzarle è necessaria fantasia, creatività, esperienza e tanta, tanta passione.

Per questo è necessaria cura ma anche tecnica oltre ad una saggia scelta e collocazione di piante, fiori ed arbusti.

Quali elementi consideriamo nella realizzazione aiuole?

La vegetazione deve essere la protagonista in tutte le stagioni con cespugli, sempreverdi e spoglianti di varie altezze che impostano la struttura, oltre a numerose specie di erbacee perenni e bulbose che daranno carattere e vivacità all’aiuola durante tutto l’anno.

Nella realizzazione aiuole, ecco gli elementi di cui Verde Impianti terrà conto:

– L’EFFETTO CHE VOGLIAMO: se desideriamo un sicuro effetto decorativo nel nostro giardino, dovremo optare per delle piante da aiuola dall’aspetto gradevole e vistoso, fiorendo possibilmente tutte insieme e nello stesso periodo con una fioritura abbondante e lunga.

Se hai questo obiettivo Verde Impianti consiglia piante bulbose come tulipani, narcisi e ciclamini.

– RESISTENZA: per la realizzazione aiuole solitamente optiamo per delle piante resistenti alle intemperie, visto che dovranno rimanere all’aperto tutto l’anno e con una capacità di ripresa molto veloce, per garantire un rapido ripristino delle condizioni iniziali anche dopo un periodo di pioggia o di vento.

– AUTOPULENTI: se abbiamo poco tempo da dedicare alla cura del giardino, è meglio optare per piante autopulenti, ossia devono avere frutti che cadono da soli e che non vanno ad impoverire la fioritura.

– LA FORMA: le aiuole a forma squadrata sono le più facili da realizzare, oppure, a seconda delle preferenze potete optare per una forma tondeggiante: a voi la scelta

– LA PROGETTAZIONE: prima della realizzazione aiuola, procederemo con la progettazione, con cui, grazie ad i nostri software, potremo ottenere una panoramica di quella che sarà la vostra futura aiuola nel giardino, per aggiustare o aggiungere elementi estetici e decorativi.

 

Le nostre aiuole catturano lo sguardo dell’osservatore e lo colpiscono con il loro stile informale e apparentemente spontaneo e naturale, ma non fatevi ingannare: dietro la realizzazione aiuole vi è uno studio ricercato e molto attento: nella scelta e nella disposizione delle piante e dei fiori, nulla è lasciato al caso!.

realizzazione aiutole Rovigo

realizzazione aiutole Rovigo

realizzazione aiutole Rovigo

realizzazione aiutole Rovigo

realizzazione aiutole Rovigo

Diamo COLORE al tuo GIARDINO!

Nella realizzazione aiuole Rovigo, utilizziamo la nostra competenza e professionalità al fine di garantire spazi suggestivi, emozionanti e colorati ma anche studiati minuziosamente durante la fase di progettazione.

Verde Impianti, azienda specializzata nella realizzazione aiuole Rovigo, cura la scelta di ogni piccolo dettaglio, creando una vera e propria opera d’arte, tra aiuole e bordure, in cui piante e fiori unici e scenografici prendono armoniosamente vita.

VUOI REALIZZARE UN AIUOLA DA FAR INVIDIA?
Chiedi l’aiuto degli esperti giardinieri di verde Impianti: non corri nessun rischio e la tua aiuola risplenderà nel tuo giardino!

piante da balcone: nasturzio

Piante da balcone: 5 idee per colorarlo

Piante da balcone: 5 idee per colorarlo

Possiedi un balcone ma il sole è troppo forte e ti da fastidio?

Puoi facilmente creare delle zone d’ombra ricorrendo ad ombrelloni e tende da sole, oppure potete chiedervi a madre natura di darvi una mano.

Utilizzando infatti le specie vegetali più adatte è possibile creare delle gradevoli e rinfrescanti zone d’ombra con delle piante da balcone.

Verde Impianti ti da 5 idee per fare ombra con le piante da balcone.

1.PIANTE DA BALCONE: gelsomino rampicante

Questa pianta è in grado di regalare una fioritura profumatissima ed ornamentale, grazie alle piccole corolle bianche che produce a profusione.

E’ la scelta più “popolare” quando decidiamo di creare uno spazio ombroso sul balcone in cui potersi rifugiare nelle giornate più calde.

Il gelsomino è una pianta che prolifera con il calore del sole e non lo teme, al contrario delle basse temperature.

Se viene fatto sviluppare lungo una pergola, offrirà ombra in abbondanza, perché cresce folto e senza cure eccessive.

Non necessita infatti di annaffiature abbondanti, anzi, meglio evitare i ristagni idrici.

L’unica cosa che questa pianta da balcone teme è il vento forte, per cui cercate di utilizzarlo solo se vivete in zone non troppo ventilate.

piante da balcone: il gelsomino

2. PIANTE DA BALCONE: glicine

Un’altra pianta da balcone rampicante che di nota spesso sui balconi e terrazze delle città.

Cresce molto bene sia piantata in terra che in vaso, creando dei cespugli rigogliosi dal potente effetto schermante, soprattutto durante il periodo della fioritura.

Di questa pianta da balcone, sono noti i magnifici fiori a grappolo dal delicato colore lilla.

Il loro colore è così peculiare, da aver dato origine ad un colore tutto suo, appunto il color glicine.

A seconda del periodo di fioritura, è possibile scegliere tra il glicine americano (fiorisce in estate tra i mesi di giugno e luglio) e quello cinese, che fiorisce in primavera.

A differenza della precedente, è una pianta piuttosto impegnativa, che deve essere potata con regolarità e richiede molta cura.

Soprattutto in estate, ha bisogno di molta acqua e di essere concimata almeno due volte l’anno con un composto ricco di azoto, fosforo e potassio.

piante da balcone: glicine

3. PIANTE DA BALCONE: le rose rampicanti

E’ il fiore più amato per eccellenza, quello che si regala alla donna amata o ad un caro amico.

Non trascuriamo però la grande utilità di questa pianta: robusta, resistente e molto folta, può creare dei pergolati ombrosi sul terrazzo e allo stesso tempo abbellire con i piccoli fiori colorati che producono.

Le più diffuse sono le rose Rambler, o sarmentose, le quali possiedono dei rameggi molto flessuosi e adattabili a qualsiasi pergola.

Sono ottime anche le rose noisette, con fioritura più abbondante e ripetuta nel corso dell’anno.

piante da balcone: rose rampicanti

4. PIANTE DA BALCONE: le campanelle

Sono note con questo nome per via delle forme dei fiori.

Possono essere di diversi colori: dal rosso scarlatto al blu intenso e sono ideali per creare delle pergole ombrose.

Possono essere coltivate in ampi vasi e poi fatte crescere su dei graticci, o messe in fioriere da appendere al balcone.

A differenza del gelsomino, glicine e rose, non si tratta di una pianta perenne ma di una pianta annuale.

Le campanelle necessitano di tanta luce e molta acqua.

piante da balcone: campanelle

5. PIANTE DA BALCONE: Nasturzio

Il nasturzio è una pianta rampicante che esiste in quasi cento varietà diverse e che si caratterizza per i grandi fiori a forma di imbuto che possono arrivare fino a 5 cm di diametro.

Il nasturzio non possiede viticci, ma basta dargli un supporto e cresce avvinghiandosi a qualsiasi cosa.

Se coltivata come pianta annuale non servono molte cure; occorre altrimenti avere cura di proteggerla dal freddo dell’inverno con la pacciamatura.

Queste 5 idee permettono al tuo balcone di unire l’utile al dilettevole: avere un angolo fresco e riparato dal sole e una splendida fioritura che colori l’ambiente.

piante da balcone: nasturzio

Per questo e molti altri consigli e servizi di giardinaggio, non esitare a contattare Verde Impianti, gli esperti del verde nella provincia di Rovigo.

Save

giardinaggio d'autunno

Giardinaggio d’autunno: proteggere le piante dal freddo

Giardinaggio d’autunno: proteggere le piante dal freddo

Fiori e piante, proprio come noi, hanno bisogno delle giuste cure e attenzioni in ogni periodo dell’anno.

In modo particolare, con l’arrivo dell’autunno, il clima inizia a diventare piuttosto ballerino e gli sbalzi non sono pochi: gli esemplari più delicati del nostro giardino o del nostro balcone, vanno protetti nel modo migliore per evitare che subiscano il cambio di stagione.

In realtà, la maggior parte delle piante va in riposo vegetativo proprio con l’arrivo della stagione fredda.

In questa stagione dell’anno, l’arbusto si trova in uno stato di “sonno”, durante il quale non necessita di acqua e nutrimento, ma solo delle condizioni ambientali più adatte per prepararsi alla successiva primavera.

Giardinaggio d’autunno, cosa fare

Se abbiamo un balcone fiorito, dovremmo pensare di portare in casa le piante che non sopportano bene le basse temperature, collocandole in zone della casa in cui c’è fresco e un buon livello di umidità, ma soprattutto dove non siano vicine a fonti dirette di calore come ad esempio le stufe o i termosifoni: potrebbero danneggiarle.

Per quegli arbusti che invece non possono essere spostati all’interno, ecco alcune piccole attenzioni per il giardinaggio d’autunno:

Per prima cosa spostiamo i vasi, per quanto possibile vicino ai muri, in modo che siano riparati da venti forti.

Se poi abitiamo in zone d’Italia in cui alla notte vi è il rischio frequente di gelate, occorrerà pacciamare il terreno con paglia e torba per non far scendere troppo la temperatura, proteggendo le radici.

Per i fusti invece, provvediamo a coprirli con veli di tessuto non tessuto, che siano in grado di far passare l’aria ma tutelino rami e parti scoperte dal freddo.

Pacciamatura e copertura sono metodi ottimi anche per quelle piante da giardino interrate.

Con questi piccoli suggerimenti, possiamo riuscire a proteggere le nostre amiche verdi dalla stagione fredda e dai suoi climi rigidi, per vederle rifiorire in tutta la loro maestosità con l’arrivo dei primi caldi.

Verso marzo possiamo aiutarle a svegliarsi dal torpore invernale e prepararsi alla fioritura, con irrigazioni miste a concime liquido, donando forza e nutrimento.

Giardinaggio d’autunno: 7 piante autunnali per colorare la stagione

Anche in autunno avete diritto ad un giardino o un balcone colorato: anche se è la stagione in cui cadono le foglie, è anche però il momento in cui alcune delle piante più colorate fioriscono.

Perciò buone notizie, in autunno non dovrete rinunciare al tocco di colore!

Ecco 7 piante autunnali per colorare la stagione:

  1. Settembrini: appartengono alla famiglia dei crisantemi e, proprio come dice il loro nome, fioriscono a settembre!
  2. Ciclamini autunnali: fanno sempre parte della famiglia dei ciclamini ma, a differenza degli altri, fiorisce in autunno.
  3. Erica: pianta resistitissima che inizia il suo periodo di fioritura nel cuore dell’autunno. I suoi fiori sono di varie sfumature che vanno dal viola intenso al rosa pallido.
  4. Skimmmia: procuratevi subito una piantina di skimmia: non solo infatti vi regalerà in questo periodo una deliziosa fioritura, ma per tutto l’inverno donerà al vostro giardino un pizzico di colore. I suoi rami infatti si riempiranno di bellissime bacche rosse.
  5. Cavoli ornamentali: I cavoli vi sorprenderanno! Dimenticate le noiose zuppe e coltivate quelli ornamentali in vaso: le loro foglie sbocceranno in un’armonia di colori sembreranno dei fiori giganteschi. La loro fioritura inizia nel periodo autunnale, ma sono resistentissimi al freddo!
  6. Narcisi autunnali: Non si tratta dei narcisi grandi e gialli a cui state probabilmente pensando. Si tratta invece di fiori dalle dimensioni più piccole, tendenzialmente dai petali bianchi, che fioriscono in autunno e non in primavera. Chiede a un centro botanico per farvi dare i bulbi giusti.
  7. Celosia: La fioritura della celosia comincia in estate, ma si protrae per tutto l’autunno. I suoi fiori sono tra i più colorati in assoluto: renderanno il vostro giardino un po’ più tecnicolor!

E’ buona cosa, per conservare il vostro giardino in autunno, affidarvi al parere e alle informazioni di un esperto, per questo motivo, l’azienda di giardinaggio Rovigo Verde Impianti saprà come prendersi cura del vostro giardino in autunno ed esaltarne a pieno tutte le sue incredibili e affascinanti sfumature.

Fai brillare il tuo giardino in autunno

Save