progettazione giardino

Progettare un giardino: 6 regole per organizzare forme, linee e colori

Progettare un giardino: 6 regole per organizzare forme, linee e colori

Vuoi progettare un giardino pronto per sbocciare in Primavera? scopri in questo articolo dalle piante agli arredi da scegliere e tutti i segreti per dare vita ad un bel giardino e trasformarlo in una vera e propria oasi di relax.

“I giardini sono una delle forme dei sogni” – Hector Bianciotti

Ed è proprio così: i giardini sono luoghi di relax, vere e proprie oasi di pace in cui ritrovare la propria tranquillità lontano dal caos quotidiano.

Purtroppo però si tende a sottovalutare l’importanza di una progettazione del giardino, limitandosi a pensare che gli spazi verdi siano soltanto un luogo in cui collocare delle piante.

In realtà, per capire meglio come realizzare un giardino, il primo passo è quello di creare un progetto che tenga conto di una serie di elementi principali.

6 regole d’oro per progettare un giardino

1. Progettare un giardino che rispetti la fisionomia del paesaggio

Facciamo subito un esempio: quanto sarebbe brutto progettare un giardino in campagna, senza inserire piante locali?

Le piante in un giardino, devono sempre essere correlate all’ambiente in cui si trovano, all’omogeneità delle sue forme e alla naturalezza del paesaggio.

2. Progettare un giardino funzionale

Quando vogliamo progettare un giardino, la prima delle domande da porci è “a cosa mi servirà?”, “come lo voglio utilizzare?”.

Un giardino non nasce così a caso, i suoi elementi sono dettati da bisogni specifici, inizialmente inespressi, ma che un buon progetto può aiutarvi a portare alla luce.

Durante la progettazione, tenete presenti i vostri spazi, sia per poter disporre percorsi funzionali, sia per poter godere appieno del giardino quando si è a casa.

3. Progettare un giardino a seconda degli spazi

Ogni angolo dello spazio verde a vostra disposizione ha le proprie caratteristiche: l’obiettivo è quello di progettare il giardino cercando di evidenziarne i punti di forza e, al contrario, nascondendone i difetti.

Ciò significa aver ben presente tre concetti importanti: proporzione, unità e linee geometriche.

  • La proporzione riguarda le dimensioni dell’aria verde: tutto ciò che inseriamo dovrà essere proporzionato all’ambiente circostante;
  • Unità vuol dire evitare contrasti stridenti tra le tipologie di coltivazioni utilizzate;
  • Infine le linee geometriche sono conferite dalle bordure e dai sentieri presenti con lo scopo di condurre lo sguardo da una parte all’altra dello spazio. A questa funzione contribuiscono anche gli elementi naturali: alberi che si sviluppano in orizzontale regalano un senso di tranquillità mentre quelli verticali danno un senso di ordine e dinamicità al giardino.

4. Progettare un giardino con le piante giuste

Scegliere le piante e i fiori da giardino varia molto in base ai gusti.

A livello tecnico la cosa da considerare è l’esposizione alla luce del sole: è bene preferire quelle piante che si adattano bene al clima e alle condizioni dell’area.

5. Progettare un giardino: i mobili per esterno

Nell’arredamento del giardino è bene tener conto di alcuni elementi importanti.

Per prima cosa bisogna scegliere gli arredi di qualità, che essi siano in grado di:

  • Resistere agli agenti atmosferici
  • Unire comodità ed estetica
  • Richiedere pochissima manutenzione

Un altro elemento da considerare sono poi i colori: se si utilizzano colori vivaci, è meglio scegliere un arredamento i tonalità neutra.

In tal modo eviterete che i mobili per esterno vi stanchino in poco tempo.

6. Progettare un giardino: l’impianto di irrigazione

Un aspetto molto sottovalutato, ma molto importante soprattutto in caso di giardini medio-grandi.

Vi sono varie tipologie di impianti (rotanti, oscillanti, a battente): la scelta dev’essere valutata in base alla struttura e organizzazione del giardino.

Le fasi di progettazione del giardino di Verde Impianti

Progettare uno spazio verde richiede un certo impegno e una certa precisione. Essa si compone di 4 fasi principali:

  • Lo studio preliminare: è fondamentale studiare bene le caratteristiche dell’area in cui si desidera intervenire;
  • La bozza del progetto: studiato il terreno e l’area del progetto, mi confronterò con te per conoscere il tuo gusto e le tue esigenze;
  • La simulazione fotografica: ora si procede alla simulazione fotografica, quella in cui potrai vedere come diventerà il tuo spazio verde, in questo modo potrai approvarlo o ppure apportare qualche modifica;
  • Il progetto definitivo.

Qualunque sia la vostra idea di progettazione giardino, con Verde Impianti potete progettarla ed individuare in tempo reale l’esatta forma e lo stile adatto al vostro giardino, per vederlo infine realizzato!

Richiedi il servizio di progettazione giardino e valorizza il tuo verde con Verde Impianti!

giardino in autunno

Giardino in autunno: ecco i lavori da fare in questa stagione

Giardino in autunno: ecco i lavori da fare in questa stagione

Se ad agosto ci siamo rilassati, lasciando all’impianto di irrigazione il compito di occuparsi del nostro giardino, il mese di settembre, soprattutto adesso verso la fine, è dedicato alla preparazione del terreno per i mesi di freddo che arriveranno in seguito.

Avete mai pensato che per il nostro orto e per il giardino l’autunno è come una seconda primavera?

Ma quali sono i principali lavori da eseguire nel nostro giardino in autunno?

1. Mettere a dimora le piante

Questa stagione è la migliore per mettere a dimora le piante, infatti, quasi tutte possono essere piantate in questo periodo e, con lo sviluppo delle radici durante i mesi freddi, esse si presenteranno rigogliose e in salute nella prossima primavera.

2. Piantare i bulbi

I bulbi, perché fioriscano  e si sviluppino all’inizio della primavera, devono essere piantati in tempo e i mesi migliori per farlo sono ottobre e novembre.

Quando le rigidità dell’inverno saranno finire, essi riempiranno di colore prati e vasi.

3. Proteggere le piante più delicate

Se possedete piante in vaso all’esterno che mal sopportano gli inverni, portatele a casa al più presto, prima di accendere il riscaldamento, in modo che si abituino in modo graduale al cambiamento per potersi adattare meglio.

Realizzate anche delle adeguate coperture per quelle che non possono essere trasferite all’interno: a volte, basta solo anche una cupola di plastica!

4. Seminare il manto erboso

Questa stagione è il momento migliore per poter seminare erba nuova; in giornate calde e notti fresche supportate da piogge regolari, creano la condizione giusta per un’ottima crescita del manto erboso.

5. Gli affascinanti fiori autunnali

Anche in autunno possiamo circondarci di fiori come ad esempio i ciclamini, le viole, l’elleboro, l’erica. Tutti perfetti per arricchire i nostri spazi verdi senza rimpiangere la primavera.

6. La manutenzione e le potature

Se desideriamo uno spazio rigoglioso e in salute, accudiamo i nostri spazi verdi: i mesi autunnali sono il momento perfetto per la manutenzione, la concimazione e le potature.

7. Pianificate un nuovo design per il vostro giardino

Se volete apportare qualche modifica paesaggistica in giardino, come per esempio l’inserimento di un vialetto oppure la creazione di una aiuola grande come l’allestimento di una nuova zona relax, potete affidarvi a Verde Impianti per rivedere la progettazione del vostro giardino.

Giardino in autunno: come annaffiarlo in modo corretto

Molti smettono di annaffiare il giardino non appena finisce l’estate: ERRORE. Se il clima è secco, le piante, specie quelle in vaso, hanno la necessità di ricevere acqua.

 

E’ buona cosa, per conservare il vostro giardino in autunno, affidarvi al parere e alle informazioni di un esperto, per questo motivo, l’azienda di giardinaggio Rovigo Verde Impianti saprà come prendersi cura del vostro giardino in autunno ed esaltarne a pieno tutte le sue incredibili e affascinanti sfumature.

Fai brillare il tuo giardino in autunno

Giugno è alle porte: come lo accogliamo nel nostro giardino?

Giugno è alle porte: come lo accogliamo nel nostro giardino?

Con Giugno inizia l’estate ma non solo, anche il caldo. Mentre organizzate le ferie ricordatevi che il vostro giardino non va mai in vacanza e proprio a giugno ha bisogno di voi!

Cosa fare allora nel nostro giardino a giugno?  Verde Impianti ti consiglia:

Se hai alberi e arbusti…

Sono molti gli arbusti che fioriscono a giugno.

Essi non hanno bisogno di particolari cure in questo mese; potete togliere a mano le erbacce che crescono alla base delle piante e distribuire tutt’intorno al fusto della corteccia di pino o paglia come pacciamatura.

Inoltre, con l’aumentare delle temperature, le piante hanno bisogno di molta più acqua, perciò annaffiate con parsimonia seguendo l’andamento stagionale.

Se hai un aiuola…

Durante questo mese i cespugli colorano le aiuole con i fiori più belli, dalle tonalità lolla-blu della lavanda al giallo acceso dell’iperico.

A giugno inoltre potete riempire il giardino con piante da fiore annuali, ma non ritardatevi troppo perchè dopo la seconda settimana del mese le temperature saranno troppo elevate per permettere loro di attecchire.

Cercate di essere regolari nell’annaffiare le piante, a seconda delle necessità delle piante.

Se siete in possesso di bulbose primaverili, a giugno dovrebbero aver terminato la fioritura  la loro vegetazione dovrebbe essere totalmente esausta.

Noi di Verde Impianti vi consigliamo di recuperare i bulbi disotterrandoli, ripulendoli da terra e3 da foglie secche e riponendoli ad asciugare in un luogo buio e ventilano per circa dieci giorni.

Perciò conservateli al buio in sacchetti di carta forati fino alla prossima primavera.

Se hai un roseto…

In caso di roseti, eliminate i rami che crescono dai fusti principali delle rose e quelli che emergono dal suolo.

Vi consigliamo di farlo il prima possibile, quando ancora non sono lignificati.

Asportate inoltre tutte le malerbe che si sviluppano alla base delle piante estirpandole a mano, assicurando i rami nuovi delle rampicanti ai tutori per riuscire a dirigerne lo sviluppo.

Vi sono alcune rose che sfioriscono dalla prima settimana di giugno in poi e molte di esse devono essere potate al termine della fioritura.

Se hai Piante in vaso…

Nel caso delle piante in vaso, a Giugno iniziano a mostrarsi in tutta la loro bellezza dopo le fioriture un po’ più stentate dei mesi precedenti.

Eliminate subito i fiori secchi e le foglie morte, annaffiatele con regolarità mantenendo il terreno umido ed evitando che si inzuppi inutilmente di acqua.

Anche qui bagnate a seconda dell’andamento stagionale.

Ad esempio, anche gli agrumi in vaso necessitano di un’irrigazione costante e consistente in questo periodo.

Per concludere, non dimenticatevi che è sempre bene reintegrare i nutrienti del terriccio di coltivazione delle piante in vaso.

Per preparare il giardino al caldo, affidatevi alla mano di un esperto: affidatevi a Verde Impianti, gli specialisti del tuo giardino!

Per maggiori informazioni o preventivi, non esitate a contattarci!

stile del giardino

Qual è lo stile del giardino che fa per te?

Qual è lo stile del giardino che fa per te?

Esistono varie tipologie che si possono realizzare per ottenere un preciso stile del giardino: il giardino all’italiana, il giardino inglese, il giardino francese e provenzale, il giardino country e il giardino giapponese. Ognuno con le proprie particolarità che lo caratterizzano. Analizziamo di seguito ogni stile del giardino.

L’esterno è una parte davvero importante e lo stile ne determina la personalità e l’estetica in maniera dominante.

Stile del giardino: all’italiana

E’ uno dei più famosi tipi di giardino, non solo nel Bel Paese ma in tutto il mondo.

E’ caratterizzato da siepi basse e curatissime che compongono disegni geometrici, piante fonde e architettura, trasformandosi in una sorta di museo a cielo aperto.

Essere ispirati a questo stile per il proprio giardino di casa, significa curare alla perfezione l’ordine delle piante inserendole in uno spazio all’aria aperta, il quale comprende elementi architettonici come: scale, vialetti, colonne, fontane, ecc..

stile del giardino all'italiana

Stile del giardino all’inglese

Per coloro che preferiscono un giardino con ampi prati, laghetti e stagni e più paesaggistico, si può optare per uno stile di giardino inglese.

In questo giardino gli elementi architettonici richiamano l’universo ellenistico in cui tutto deve sembrare casuale e naturale.

Lo stile del giardino all’inglese è caratterizzato  da grandi alberi e fioriture fitte per donare composizioni sceniche, grottini e rovine invece contribuiscono a creare l’atmosfera perfetta.

E ancora, rifugi segreti e angoli misteriosi renderanno il vostro giardino ancora più suggestivo e affascinante.

Stile del giardino francese

Lo stile di questo giardino riprende alcuni elementi simili a quelli dell’italiana, ma decisamente dall’impronta più barocca: lunghi ed ampi viali con siepi squadrate invitano lo sguardo a perdersi all’infinito.

Arbusti e cespugli vengono potati per assumere forme uniche ed originali.

Gli elementi decorativi si diffondono dai marmi agli specchi fino alle statue. Non mancano poi le fontane e i giochi d’acqua.

stile del giardino alla francese

 Stile del giardino country

Infine, il giardino in stile country, spazia dal giardino classico campagnolo a soluzioni più personalizzate, a seconda del proprio gusto.

Esso può essere di grandi o piccole dimensioni ma la cosa importante è che sia rigoglioso nelle piante e nei fiori, i quali caratterizzano angoli in cui potersi rilassare, un piccolo orto o uno spazio dedicato alla coltivazione delle piante aromatiche.

stile del giardino country

Stile del giardino giapponese

I Giardini Giapponesi catturano subito nell’immediato per il loro fascino particolare. Ne esistono di diverse tipologie, tutte con un’attrattiva certamente particolare, quella di ricreare per quanto possibile lo stile di vita e la cultura tipica giapponese.

Ciò che si evince subito da un giardino giapponese è l’ampio spazio verde panoramico che offre. Una modesta ricreazione dei paesaggi tipici della cultura orientale: vallate, fontane e corsi d’acqua.

Una qualità tipica di questi giardini giapponesi, non è tanto la presenza di un’area verde che completa la costruzione di una villa o struttura abitativa che sia: l’abitazione stessa diventa parte integrante del giardino.

stile del giardino giapponese

Ora che conosci lo stile del giardino, non vedi anche tu l’ora di realizzarne uno simile a questi?

Contattami e richiedi un preventivo, Verde Impianti è specializzato per rendere affascinante il tuo giardino!

richiedi-preventivo giardinaggio

Giardinaggio: 8 cose da NON fare!

Giardinaggio: 8 cose da NON fare assolutamente

Che abbiate un minuscolo o grandissimo giardino o un piccolo balcone, se avete il desiderio di mettervi all’opera con il giardinaggio e realizzare il vostro spazio verde, prima di iniziare dovete stare attenti a non commettere questi 8 errori!

  • IL VASO: attenzione con il vaso, non sono uguali per tutti, anzi ogni pianta necessita di un vaso specifico.  Piante che richiedono terreno drenato avranno bisogno di vasi con dei fiori alla base. Le piante che amano i terreni umidi potranno avere un vaso di plastica. In poche parole, non improvvisate con il primo vaso che trovate, anzi chiedete quali vasi  aiutano a far crescere bene le piante. Non date importanza solo alla forma ma anche al materiale del vaso!
  • TOGLIERE LE ERBE BUONE INVECE DI QUELLE CATTIVE: Togliere le piante cattive è consigliabile sia per estetica, sia per evitare che infestino tutto il giardino. Siete sicuri di riconoscerle?
  • NON PREPARARE IL TERRENO: bisogna tener conto del terreno: se non è nutrito o peggio, non è quello giusto i risultati non arriveranno mai. la soluzione ideale sarebbe creare il composto naturale in casa e nutrire il terreno!
  • PIANTARE TROPPO VICINO: Per un terreno rigoglioso non serve riempire il giardino di fiori e piante, anzi, in questo modo si soffocheranno a vicenda, non cresceranno come devono e non diventeranno certo rigogliose come desideravate!
  • TROPPA ACQUA: uno degli errori più comuni che succedono. Troppa acqua è dannoso tanto quanto poca acqua. è bene quindi informarsi sulla quantità che ogni pianta richiede.
  • PIANTARE UNA PIANTA INVASIVA: Piante bellissime come l’edera e il glicine bisogna tenerle a bada oppure invaderanno il vostro giardino.
  • ESPOSIZIONE SBAGLIATA: non tutte le piante amano stare al sole. Ogni pianta deve essere coltivata in zone con la giusta esposizione: i girasoli non crescono all’ombra e un’ortensia in pieno sole appassirà!
  • ESAGERARE CON I PESTICIDA: è chiaro che insetti e afidi non devono divorare le vostre piante, ma se esagerate con il pesticida le vostre piantine moriranno! è bene cercare una soluzione tra i rimedi naturali!

Hai bisogno di maggiori consigli per non sbagliare? affidati a chi ha fatto della sua passione un lavoro, affidati alla ditta di giardinaggio Verde Impianti!

contattaci

By NG S.r.l.